i miei articoli

img ciò che non lo è

IL COMPORTAMENTO SCORRETTO DEFINISCE CIÒ CHE È COMPITO DEI BAMBINI E CIÒ CHE NON LO È (punto 5 di 7)

Quando sorge un conflitto abbiamo l’opportunità di aiutare nostro figlio a imparare quali sono i suoi doveri nella vita.“Me l’ha detto Marta di fare così!”, esclama Matteo al richiamo della mamma.“Ma Marta è il tuo capo? Può dirti cosa pensare, sentire e fare?”, potrebbe rispondere la mamma.“Ho dovuto farlo perché Marta ha detto che…”, potrebbe rispondere Matteo.“Avevi altre scelte, ma non te n’è venuta in mente nessuna in quel momento”, potrebbe spiegare saggiamente la mamma.“Il tuo dovere è pensare e chiederti: ‘Voglio fare questo? Mi sembra giusto o lo faccio

Leggi
img dire di sì o di no

IL COMPORTAMENTO CORRETTO INSEGNA AI BAMBINI A DIRE SÌ ALLE COSE GIUSTE E NO ALLE COSE SBAGLIATE (punto 4 di 7)

Abbiamo tutti bisogno di questa abilità!Dire di no implica un grande potere.Imparare a dire no significa anche imparare ad accettare il no degli altri. La disciplina insegna molto al riguardo. Se cedete quando i bambini vi supplicano, non insegnate loro ad accettare un no importante, né a dirlo!Pensate a quanto sarà importante saper dire di no quando vostro figlio entrerà nell’adolescenza!Se credete di ferire vostro figlio quando dite no, gli insegnate che i no feriscono gli altri! I sì e i no definiscono le relazioni: non sappiamo davvero chi siamo

Leggi
img il comportamento corretto 2 di 7

IL COMPORTAMENTO SCORRETTO INSEGNA AI BAMBINI COME COMUNICARE AFFINCHÈ GLI ALTRI RISPONDANO AI LORO BISOGNI (punto 2 di 7)

Pietro, 4 anni, è al supermercato con la mamma. A un tratto scappa nella corsia dei giocattoli. La mamma si infuria. Dopo averlo ritrovato, l’afferra per una spalla e dicendo:“Non allontanarti mai da me al supermercato! Mai!”.A Pietro si riempiono gli occhi di lacrime mentre indica un camioncino.Sua mamma alza gli occhi al cielo e inizia ad allontanarsi. Pietro, allora, prende il camioncino e segue la mamma, che inizia a sbuffare: “No, hai cento camion a casa!”.Il piccolo inizia a piagnucolare: “No, come questo no!”.Alla fine, la mamma accondiscende: “Okay,

Leggi
img il comportamento scorretto

IL COMPORTAMENTO SCORRETTO AIUTA I BAMBINI A CAPIRE QUALI PENSIERI, SENTIMENTI E COMPORTAMENTI SONO ADEGUATI NEI CONFRONTI DEGLI ALTRI (punto 3 di 7)

Esempio trattato da una scena di vita quotidiana in questo periodo di quarantena domestica.Edoardo corre dalla mamma, urlando: “Papà è stupido, è cattivo!”.La mamma potrebbe rispondere: “Ti sembra una cosa carina? Non accetto che Tu parli così di tuo papà!”.Questa risposta carica di giudizio non insegna a Edoardo nessun modo adeguato per esprimere la frustrazione. Gli lascia 3 scelte:1. smetterla di sentirsi frustrato e fingere che tutto vada bene quando non è così;2. imparare a essere passivo (non dire niente), aggressivo (parlare male degli altri ma non di fronte alla

Leggi
img gli errori

GLI ERRORI: QUALCOSA DI INEVITABILE E QUANTO PREZIOSO

Molti di noi temono spesso di sbagliare:chi lo ammette pubblicamente è considerato un ansioso;chi lo teme ma non lo dice, con il suo comportamento, sovente tradisce rigidità, maniacalità nel controllo di tutte le variabili o aggressività verso il prossimo;chi non ne è consapevole, talvolta risulta temerario o sprovveduto nella valutazione della situazione.Sia come sia, pochissimi soggetti da me conosciuti hanno un rapporto tranquillo con l’errore e il fallimento personale e ciò è spesso causa di molteplici disagi nella quotidianità!Ma perché? Perché si fa così fatica ad accettare serenamente di poter

Leggi
img comportamento scorretto 1 di 7

ATTRAVERSO IL COMPORTAMENTO SCORRETTO IL BAMBINO IMPARA A DISTINGUERE CIÒ CHE È SICURO DA CIÒ CHE NON LO È (punto 1 di 7)

Nessun bambino nasce sapendo che bisogna stare sul marciapiede o dire di no ai coetanei che propongono esperimenti pericolosi.L’unico modo in cui i bambini imparano queste lezioni è correndo in mezzo alla strada e lasciandosi influenzare dai compagni.Dalla nostra risposta a queste situazioni i nostri figli iniziano a capire quali sono i comportamenti pericolosi e come reagire quando qualcuno li spinge oltre il limite di sicurezza. IL COMPORTAMENTO SCORRETTO SERVE A MOLTI SCOPI MERAVIGLIOSI NELLO SVILUPPO DI UN BAMBINO! Per questo, dobbiamo usare saggezza quando vengono agiti!

Leggi
img il rischio

QUARANTENA E GENITORIALITÀ: IL RISCHIO DI UN DOLOROSO CONFRONTO

Il protrarsi della “reclusione” in casa con i figli, inevitabilmente, mette sempre più in discussione il proprio essere genitori.Ogni sera, a fine giornata, ci si interroga (più di prima) sul proprio operato di madre o padre: Potevo stimolarlo maggiormente?Potevo gestire diversamente una crisi?L’ho “parcheggiato” troppo davanti a uno schermo (tv, tablet o cellulare)?Potevo cucinargli cibi più salutari?Potevo, potevo, potevo …. Gli interrogativi che ci possiamo fare in questo periodo come genitori sono veramente tanti, forse troppi… Alcuni interrogativi sul nostro essere genitori sufficientemente adeguati ci sorgono sovente anche dal vedere

Leggi

L’INUTILITÀ DELLE PUNIZIONI

Al termine della prima settimana di “reclusione” forzata con i bimbi “al tempo del coronavirus”, dedico questo post ai genitori (ma, in particolare, alle mamme che mi hanno scritto che si sentono in difficoltà nella gestione quotidiana di bizze e arruffati ).Innanzitutto, voglio dirVi che non siete soli: siamo tutti sulla stessa barca! Tutti abbiamo giornate più o meno positive, in alternanza a momenti di tensione e nervosismo, che questa situazione nuova e inaspettata sono NORMALI!Siamo umani e viviamo di EMOZIONI!Che fare, però, quando i nostri figli sembrano farci impazzire?RINUNCIATE

Leggi
img l'unica persona

L’UNICA PERSONA CHE POSSIAMO FAR CAMBIARE SIAMO NOI STESSI!!

“La credenza che gli adulti possano FARE IN MODO CHE i figli diano loro retta e siano in grado di FARLI cambiare è diffusa come l’aria.In effetti, la maggior parte delle persone considera responsabilità dei genitori FARE IN MODO CHE i figli si comportino bene. Queste persone, inoltre, ritengono che i genitori siano venuti meno al loro dovere quando i figli si comportano male, e che siano quindi inadeguati. Tali credenze, false e dannose, si tramandano da generazioni e nessuno sembra metterle in discussione.Dobbiamo riconsiderarle.Possiamo costringere i nostri figli a

Leggi
img trattiamo i nostri figli

TRATTIAMO I NOSTRI FIGLI COME VORREMMO ESSERE (STATI) TRATTATI

Immaginate di venire deportati su MARTE . Non sapete nulla di come si vive sul nuovo pianeta: non sapete dove potete andare né cosa potete toccare, non sapete cosa potete mangiare e cosa invece potrebbe esservi tossico, non sapete come si comunica né come si gestiscono le relazioni tra marziani e, addirittura, non sapete quando potete dormire o restare svegli.Ora, sinceramente, qual è la vostra speranza?Incontrare un marziano gentile che vi prenda sotto la sua ala protettiva, vi tenga al sicuro e vi spieghi con AMOREVOLEZZA come funzionano le cose

Leggi
img ciò che non lo è

IL COMPORTAMENTO SCORRETTO DEFINISCE CIÒ CHE È COMPITO DEI BAMBINI E CIÒ CHE NON LO È (punto 5 di 7)

Quando sorge un conflitto abbiamo l’opportunità di aiutare nostro figlio a imparare quali sono i suoi doveri nella vita.“Me l’ha detto Marta di fare così!”, esclama Matteo al richiamo della mamma.“Ma Marta è il tuo capo? Può dirti cosa pensare, sentire e fare?”, potrebbe rispondere la mamma.“Ho dovuto farlo perché Marta ha detto che…”, potrebbe rispondere Matteo.“Avevi altre scelte, ma non te n’è venuta in mente nessuna in quel momento”, potrebbe spiegare saggiamente la mamma.“Il tuo dovere è pensare e chiederti: ‘Voglio fare questo? Mi sembra giusto o lo faccio

Leggi
img dire di sì o di no

IL COMPORTAMENTO CORRETTO INSEGNA AI BAMBINI A DIRE SÌ ALLE COSE GIUSTE E NO ALLE COSE SBAGLIATE (punto 4 di 7)

Abbiamo tutti bisogno di questa abilità!Dire di no implica un grande potere.Imparare a dire no significa anche imparare ad accettare il no degli altri. La disciplina insegna molto al riguardo. Se cedete quando i bambini vi supplicano, non insegnate loro ad accettare un no importante, né a dirlo!Pensate a quanto sarà importante saper dire di no quando vostro figlio entrerà nell’adolescenza!Se credete di ferire vostro figlio quando dite no, gli insegnate che i no feriscono gli altri! I sì e i no definiscono le relazioni: non sappiamo davvero chi siamo

Leggi
img il comportamento corretto 2 di 7

IL COMPORTAMENTO SCORRETTO INSEGNA AI BAMBINI COME COMUNICARE AFFINCHÈ GLI ALTRI RISPONDANO AI LORO BISOGNI (punto 2 di 7)

Pietro, 4 anni, è al supermercato con la mamma. A un tratto scappa nella corsia dei giocattoli. La mamma si infuria. Dopo averlo ritrovato, l’afferra per una spalla e dicendo:“Non allontanarti mai da me al supermercato! Mai!”.A Pietro si riempiono gli occhi di lacrime mentre indica un camioncino.Sua mamma alza gli occhi al cielo e inizia ad allontanarsi. Pietro, allora, prende il camioncino e segue la mamma, che inizia a sbuffare: “No, hai cento camion a casa!”.Il piccolo inizia a piagnucolare: “No, come questo no!”.Alla fine, la mamma accondiscende: “Okay,

Leggi
img il comportamento scorretto

IL COMPORTAMENTO SCORRETTO AIUTA I BAMBINI A CAPIRE QUALI PENSIERI, SENTIMENTI E COMPORTAMENTI SONO ADEGUATI NEI CONFRONTI DEGLI ALTRI (punto 3 di 7)

Esempio trattato da una scena di vita quotidiana in questo periodo di quarantena domestica.Edoardo corre dalla mamma, urlando: “Papà è stupido, è cattivo!”.La mamma potrebbe rispondere: “Ti sembra una cosa carina? Non accetto che Tu parli così di tuo papà!”.Questa risposta carica di giudizio non insegna a Edoardo nessun modo adeguato per esprimere la frustrazione. Gli lascia 3 scelte:1. smetterla di sentirsi frustrato e fingere che tutto vada bene quando non è così;2. imparare a essere passivo (non dire niente), aggressivo (parlare male degli altri ma non di fronte alla

Leggi
img gli errori

GLI ERRORI: QUALCOSA DI INEVITABILE E QUANTO PREZIOSO

Molti di noi temono spesso di sbagliare:chi lo ammette pubblicamente è considerato un ansioso;chi lo teme ma non lo dice, con il suo comportamento, sovente tradisce rigidità, maniacalità nel controllo di tutte le variabili o aggressività verso il prossimo;chi non ne è consapevole, talvolta risulta temerario o sprovveduto nella valutazione della situazione.Sia come sia, pochissimi soggetti da me conosciuti hanno un rapporto tranquillo con l’errore e il fallimento personale e ciò è spesso causa di molteplici disagi nella quotidianità!Ma perché? Perché si fa così fatica ad accettare serenamente di poter

Leggi
img comportamento scorretto 1 di 7

ATTRAVERSO IL COMPORTAMENTO SCORRETTO IL BAMBINO IMPARA A DISTINGUERE CIÒ CHE È SICURO DA CIÒ CHE NON LO È (punto 1 di 7)

Nessun bambino nasce sapendo che bisogna stare sul marciapiede o dire di no ai coetanei che propongono esperimenti pericolosi.L’unico modo in cui i bambini imparano queste lezioni è correndo in mezzo alla strada e lasciandosi influenzare dai compagni.Dalla nostra risposta a queste situazioni i nostri figli iniziano a capire quali sono i comportamenti pericolosi e come reagire quando qualcuno li spinge oltre il limite di sicurezza. IL COMPORTAMENTO SCORRETTO SERVE A MOLTI SCOPI MERAVIGLIOSI NELLO SVILUPPO DI UN BAMBINO! Per questo, dobbiamo usare saggezza quando vengono agiti!

Leggi
img il rischio

QUARANTENA E GENITORIALITÀ: IL RISCHIO DI UN DOLOROSO CONFRONTO

Il protrarsi della “reclusione” in casa con i figli, inevitabilmente, mette sempre più in discussione il proprio essere genitori.Ogni sera, a fine giornata, ci si interroga (più di prima) sul proprio operato di madre o padre: Potevo stimolarlo maggiormente?Potevo gestire diversamente una crisi?L’ho “parcheggiato” troppo davanti a uno schermo (tv, tablet o cellulare)?Potevo cucinargli cibi più salutari?Potevo, potevo, potevo …. Gli interrogativi che ci possiamo fare in questo periodo come genitori sono veramente tanti, forse troppi… Alcuni interrogativi sul nostro essere genitori sufficientemente adeguati ci sorgono sovente anche dal vedere

Leggi

L’INUTILITÀ DELLE PUNIZIONI

Al termine della prima settimana di “reclusione” forzata con i bimbi “al tempo del coronavirus”, dedico questo post ai genitori (ma, in particolare, alle mamme che mi hanno scritto che si sentono in difficoltà nella gestione quotidiana di bizze e arruffati ).Innanzitutto, voglio dirVi che non siete soli: siamo tutti sulla stessa barca! Tutti abbiamo giornate più o meno positive, in alternanza a momenti di tensione e nervosismo, che questa situazione nuova e inaspettata sono NORMALI!Siamo umani e viviamo di EMOZIONI!Che fare, però, quando i nostri figli sembrano farci impazzire?RINUNCIATE

Leggi
img l'unica persona

L’UNICA PERSONA CHE POSSIAMO FAR CAMBIARE SIAMO NOI STESSI!!

“La credenza che gli adulti possano FARE IN MODO CHE i figli diano loro retta e siano in grado di FARLI cambiare è diffusa come l’aria.In effetti, la maggior parte delle persone considera responsabilità dei genitori FARE IN MODO CHE i figli si comportino bene. Queste persone, inoltre, ritengono che i genitori siano venuti meno al loro dovere quando i figli si comportano male, e che siano quindi inadeguati. Tali credenze, false e dannose, si tramandano da generazioni e nessuno sembra metterle in discussione.Dobbiamo riconsiderarle.Possiamo costringere i nostri figli a

Leggi
img trattiamo i nostri figli

TRATTIAMO I NOSTRI FIGLI COME VORREMMO ESSERE (STATI) TRATTATI

Immaginate di venire deportati su MARTE . Non sapete nulla di come si vive sul nuovo pianeta: non sapete dove potete andare né cosa potete toccare, non sapete cosa potete mangiare e cosa invece potrebbe esservi tossico, non sapete come si comunica né come si gestiscono le relazioni tra marziani e, addirittura, non sapete quando potete dormire o restare svegli.Ora, sinceramente, qual è la vostra speranza?Incontrare un marziano gentile che vi prenda sotto la sua ala protettiva, vi tenga al sicuro e vi spieghi con AMOREVOLEZZA come funzionano le cose

Leggi
Elvira Ripamonti Psicoterapeuta

dottoressa

elvira ripamonti

Vorrei essere di aiuto a chiunque abbia la necessità di comprendere, affrontare o prevenire situaizoni di disagio emotivo, stress o sofferenza psichica.

seguimi sui canali social

Ascoltarsi
per ascoltare

il quoziente emotivo

“Nutrire il quoziente intellettivo dei nostri figli non basta.
Dobbiamo occuparci (anche) del loro quoziente emotivo."

I. Filliozat, 2001