i miei articoli

img educazione consapevole

GENITORI FACCIAMO PACE CON NOI STESSI…E NON CASTRIAMO LA VOGLIA DI VIVERE DEI NOSTRI FIGLI!

Ok, essere genitori 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, è faticoso… o meglio, essere lucidi e presenti a noi stessi sempre è quasi impossibile! Ma, accipicchia, facciamo pace con noi stessi almeno su alcune macro-questioni psico-educative così evitiamo di sembrare pazzi agli occhi dei nostri figli, oltre a evitargli inutili frustrazioni e umiliazioni!Tutto questo per dire che:tutti i genitori desiderano che il proprio figlio sia sveglio, brillante, intraprendente, intelligente e sappia realizzarsi nella vita,tutti i genitori desiderano altresì che il figlio sia sereno, felice , tranquillo, sicuro

Leggi
locandina evento img

LA SESSUALITÀ NELL’INFANZIA. TABÙ, FALSI MITI E FISIOLOGIA DELLO SVILUPPO

Ancora oggi tante persone vivono la sessualità come un tabù e questo porta come conseguenza crescere i figli “perpetuando” questa catena. Quando il bambino, nella sua naturalità, si esplora o si incuriosisce per le sue parte intime, tanti genitori non sanno come affrontare questo momento, proprio perché ci hanno fatto credere che questi gesti sono inadeguati. Dialogo a due voci con la dr.ssa Rosicler Ramirez, consulente genitoriale e divulgatrice scientifica.

Leggi
img i bambini non vanno sitemati amati

I BAMBINI NON VANNO “SISTEMATI” MA AMATI E MAI SPAVENTATI

Una signora dice: “Ah, quel bambino è proprio testardo!” e quasi divertita aggiunge: “Lo sistemo io!Un cinquantenne racconta di essersi chiuso in bagno da bambino, forse per gioco, forse per sbaglio. Ricorda le urla della madre fuori dalla porta e dice: “Non ricordo cosa disse mia mamma né cosa successe di preciso per liberarmi ma ricordo che, da dietro la porta, avevo PAURA di uscire.”Tutti i bambini DIPENDONO dai genitori.A volte, i bimbi sono tristi, spaventati, arrabbiati, turbati o gelosi e i genitori anziché offrire conforto sono soliti rimproverare, arrabbiandosi

Leggi
img io sono io, l'altro è l'altro

IO SONO IO, L’ALTRO É L’ALTRO!

NON POSSIAMO IPOTECARE LA NOSTRA FELICITÀ SU UN CAMBIAMENTO DELL’ALTRO altrimenti ci auto-condanniamo a non essere MAI felici! Noi non possiamo controllare il comportamento né, tanto meno, le emozioni degli altri: noi possiamo lavorare su di noi per aumentare la nostra consapevolezza e agire NOI di conseguenza!Controllare il comportamento degli altri, figli compresi, è faticoso e doloroso perché innesca un inevitabile braccio di ferro con l’altro, che proprio perché ALTRO ha un’alterità che esige di essere VISTA, RICONOSCIUTA, ACCETTATA E RISPETTATA! IO SONO IO, L’ALTRO È ALTRO!

Leggi
img la compassione

LA COMPASSIONE

Un giorno, qualche mese fa, un giovane paziente, al termine di un importante racconto di dolore e sofferenza nell’infanzia, mi ha chiesto: “Ma cos’è la COMPASSIONE? Come si fa ad essere compassionevoli?”La compassione è un sentimento e un atteggiamento mentale di condivisione del DOLOREDal latino, CUM PATIRE = SOFFRIRE CON L’ALTRO.La compassione presuppone vedere e riconoscere chiaramente la sofferenza,comporta provare sentimenti di GENTILEZZA, CURA e COMPRENSIONE per le persone che soffrono,implica il riconoscimento della comune condizione umana, FRAGILE e IMPERFETTA. Ma come si fa ad avere realmente compassione per altri

Leggi
img rispeccciamento e senso

ATTENZIONE CONDIVISA E RISPECCHIAMENTO

“Mamma, guarda!”, “Mamma, guardaMI”“Mamma, papà, venite! Venite subito”“Mamma, senti questa canzone”“Papà, assaggia!”I bambini di QUALSIASI età cercano costantemente di attirare l’attenzione dei genitori per essere visti e/o condividere un loro interesse, una loro scoperta o una loro acquisizione di competenza. Questo atteggiamento viene definito ATTENZIONE CONDIVISA ed è un importante indicatore di uno sviluppo SANO!Un bambino di 2 anni che chiede costantemente attenzioni NON è indice di un bambino “viziato” o “egocentrico” (premesso che tutti i bimbi sono egocentrici per definizione!)I bambini infatti apprendono chi sono grazie alle attenzioni che

Leggi
img il genitore fantasma

IL GENITORE FANTASMA

Ognuno di noi eredita dai propri genitori (e dalla propria storia di figli) modalità più o meno funzionali/disfunzionali di crescere la prole.Insieme al genitore amorevole che inizia a crescere nel momento in cui cominciamo a desiderare l’esperienza della maternità o paternità, vive in noi il GENITORE Fantasma, che entra in scena quando temiamo che il comportamento di nostro figlio: non sia conforme alle nostre aspettative (GENITORE ESIGENTE)lo metta in pericolo (GENITORE PUNITIVO).Il “genitore fantasma” è l’insieme di quegli schemi comportamentali NON RAZIONALI che possono fare la loro comparsa all’improvviso, appunto

Leggi
img il mio bambino lancia tutto

SOS: IL MIO BIMBO LANCIA TUTTO

A quale mamma/papà non è capitato di perdere la pazienza al decimo lancio di fila di cibo/oggetti dal tavolo da parte del figlioletto, trasformando un piacevole pranzo/cena in famiglia (magari con amici e parenti) in una partita di baseball?Ebbene, Vi svelo un segreto: LANCIARE CIBO/OGGETTI (PURTROPPO) È UNA TAPPA INEVITABILE CHE ATTRAVERSANO TUTTI I BIMBI DAI 12 AI 36 MESI CIRCA.Lanciare un oggetto che ha davanti (mentre è seduto al tavolo) per un bimbo è talvolta qualcosa di più forte di lui, seppur magari sappia che quel comportamento non è

Leggi
img il mio bambino non vuole più giocare

IL MIO BIMBO NON VUOLE PIÙ GIOCARE CON NESSUNO!

Dalla fine della fase 1 nella gestione della pandemia covid19, nei mesi di maggio e giugno è stato un susseguirsi di messaggi di genitori preoccupati per le competenze sociali del proprio bimbo. C’è chi mi ha scritto che il figlioletto ignora gli altri bimbi (mentre prima gli andava sempre incontro), chi mi ha detto che il bimbo è diventato aggressivo con gli amichetti, chi ha lamentato uno strano-“egoismo” del cucciolo in difficoltà nella condivisione dei suoi giochi con gli altri.Che dire?Pochi mesi per un adulto, sono tanto tempo per un

Leggi
img la pazienza

L’IMPAZIENZA: UN PROBLEMA DI ADULTI E BAMBINI

“Lo voglio, lo voglio, lo voglio adesso….”“Ti prego, ti prego, ti prego, …”Tutti i bambini in età pre-scolare tendono ad essere molto impazienti e martellanti nelle loro richieste. Qualcuno li etichetta erroneamente “testardi” o “cocciuti” ma, in realtà, in natura tutti i cuccioli, per una fisiologica immaturità cerebrale, faticano ad aspettare per ottenere qualcosa, faticano a (ben-) gestire la frustrazione dell’attesa di una gratificazione… e, in tutta onestà, questa competenza manca spesso anche a molti adulti!Chi ben tollera (soprattutto in questo periodo) di stare in coda per entrare in un

Leggi
img educazione consapevole

GENITORI FACCIAMO PACE CON NOI STESSI…E NON CASTRIAMO LA VOGLIA DI VIVERE DEI NOSTRI FIGLI!

Ok, essere genitori 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, è faticoso… o meglio, essere lucidi e presenti a noi stessi sempre è quasi impossibile! Ma, accipicchia, facciamo pace con noi stessi almeno su alcune macro-questioni psico-educative così evitiamo di sembrare pazzi agli occhi dei nostri figli, oltre a evitargli inutili frustrazioni e umiliazioni!Tutto questo per dire che:tutti i genitori desiderano che il proprio figlio sia sveglio, brillante, intraprendente, intelligente e sappia realizzarsi nella vita,tutti i genitori desiderano altresì che il figlio sia sereno, felice , tranquillo, sicuro

Leggi
locandina evento img

LA SESSUALITÀ NELL’INFANZIA. TABÙ, FALSI MITI E FISIOLOGIA DELLO SVILUPPO

Ancora oggi tante persone vivono la sessualità come un tabù e questo porta come conseguenza crescere i figli “perpetuando” questa catena. Quando il bambino, nella sua naturalità, si esplora o si incuriosisce per le sue parte intime, tanti genitori non sanno come affrontare questo momento, proprio perché ci hanno fatto credere che questi gesti sono inadeguati. Dialogo a due voci con la dr.ssa Rosicler Ramirez, consulente genitoriale e divulgatrice scientifica.

Leggi
img i bambini non vanno sitemati amati

I BAMBINI NON VANNO “SISTEMATI” MA AMATI E MAI SPAVENTATI

Una signora dice: “Ah, quel bambino è proprio testardo!” e quasi divertita aggiunge: “Lo sistemo io!Un cinquantenne racconta di essersi chiuso in bagno da bambino, forse per gioco, forse per sbaglio. Ricorda le urla della madre fuori dalla porta e dice: “Non ricordo cosa disse mia mamma né cosa successe di preciso per liberarmi ma ricordo che, da dietro la porta, avevo PAURA di uscire.”Tutti i bambini DIPENDONO dai genitori.A volte, i bimbi sono tristi, spaventati, arrabbiati, turbati o gelosi e i genitori anziché offrire conforto sono soliti rimproverare, arrabbiandosi

Leggi
img io sono io, l'altro è l'altro

IO SONO IO, L’ALTRO É L’ALTRO!

NON POSSIAMO IPOTECARE LA NOSTRA FELICITÀ SU UN CAMBIAMENTO DELL’ALTRO altrimenti ci auto-condanniamo a non essere MAI felici! Noi non possiamo controllare il comportamento né, tanto meno, le emozioni degli altri: noi possiamo lavorare su di noi per aumentare la nostra consapevolezza e agire NOI di conseguenza!Controllare il comportamento degli altri, figli compresi, è faticoso e doloroso perché innesca un inevitabile braccio di ferro con l’altro, che proprio perché ALTRO ha un’alterità che esige di essere VISTA, RICONOSCIUTA, ACCETTATA E RISPETTATA! IO SONO IO, L’ALTRO È ALTRO!

Leggi
img la compassione

LA COMPASSIONE

Un giorno, qualche mese fa, un giovane paziente, al termine di un importante racconto di dolore e sofferenza nell’infanzia, mi ha chiesto: “Ma cos’è la COMPASSIONE? Come si fa ad essere compassionevoli?”La compassione è un sentimento e un atteggiamento mentale di condivisione del DOLOREDal latino, CUM PATIRE = SOFFRIRE CON L’ALTRO.La compassione presuppone vedere e riconoscere chiaramente la sofferenza,comporta provare sentimenti di GENTILEZZA, CURA e COMPRENSIONE per le persone che soffrono,implica il riconoscimento della comune condizione umana, FRAGILE e IMPERFETTA. Ma come si fa ad avere realmente compassione per altri

Leggi
img rispeccciamento e senso

ATTENZIONE CONDIVISA E RISPECCHIAMENTO

“Mamma, guarda!”, “Mamma, guardaMI”“Mamma, papà, venite! Venite subito”“Mamma, senti questa canzone”“Papà, assaggia!”I bambini di QUALSIASI età cercano costantemente di attirare l’attenzione dei genitori per essere visti e/o condividere un loro interesse, una loro scoperta o una loro acquisizione di competenza. Questo atteggiamento viene definito ATTENZIONE CONDIVISA ed è un importante indicatore di uno sviluppo SANO!Un bambino di 2 anni che chiede costantemente attenzioni NON è indice di un bambino “viziato” o “egocentrico” (premesso che tutti i bimbi sono egocentrici per definizione!)I bambini infatti apprendono chi sono grazie alle attenzioni che

Leggi
img il genitore fantasma

IL GENITORE FANTASMA

Ognuno di noi eredita dai propri genitori (e dalla propria storia di figli) modalità più o meno funzionali/disfunzionali di crescere la prole.Insieme al genitore amorevole che inizia a crescere nel momento in cui cominciamo a desiderare l’esperienza della maternità o paternità, vive in noi il GENITORE Fantasma, che entra in scena quando temiamo che il comportamento di nostro figlio: non sia conforme alle nostre aspettative (GENITORE ESIGENTE)lo metta in pericolo (GENITORE PUNITIVO).Il “genitore fantasma” è l’insieme di quegli schemi comportamentali NON RAZIONALI che possono fare la loro comparsa all’improvviso, appunto

Leggi
img il mio bambino lancia tutto

SOS: IL MIO BIMBO LANCIA TUTTO

A quale mamma/papà non è capitato di perdere la pazienza al decimo lancio di fila di cibo/oggetti dal tavolo da parte del figlioletto, trasformando un piacevole pranzo/cena in famiglia (magari con amici e parenti) in una partita di baseball?Ebbene, Vi svelo un segreto: LANCIARE CIBO/OGGETTI (PURTROPPO) È UNA TAPPA INEVITABILE CHE ATTRAVERSANO TUTTI I BIMBI DAI 12 AI 36 MESI CIRCA.Lanciare un oggetto che ha davanti (mentre è seduto al tavolo) per un bimbo è talvolta qualcosa di più forte di lui, seppur magari sappia che quel comportamento non è

Leggi
img il mio bambino non vuole più giocare

IL MIO BIMBO NON VUOLE PIÙ GIOCARE CON NESSUNO!

Dalla fine della fase 1 nella gestione della pandemia covid19, nei mesi di maggio e giugno è stato un susseguirsi di messaggi di genitori preoccupati per le competenze sociali del proprio bimbo. C’è chi mi ha scritto che il figlioletto ignora gli altri bimbi (mentre prima gli andava sempre incontro), chi mi ha detto che il bimbo è diventato aggressivo con gli amichetti, chi ha lamentato uno strano-“egoismo” del cucciolo in difficoltà nella condivisione dei suoi giochi con gli altri.Che dire?Pochi mesi per un adulto, sono tanto tempo per un

Leggi
img la pazienza

L’IMPAZIENZA: UN PROBLEMA DI ADULTI E BAMBINI

“Lo voglio, lo voglio, lo voglio adesso….”“Ti prego, ti prego, ti prego, …”Tutti i bambini in età pre-scolare tendono ad essere molto impazienti e martellanti nelle loro richieste. Qualcuno li etichetta erroneamente “testardi” o “cocciuti” ma, in realtà, in natura tutti i cuccioli, per una fisiologica immaturità cerebrale, faticano ad aspettare per ottenere qualcosa, faticano a (ben-) gestire la frustrazione dell’attesa di una gratificazione… e, in tutta onestà, questa competenza manca spesso anche a molti adulti!Chi ben tollera (soprattutto in questo periodo) di stare in coda per entrare in un

Leggi
Elvira Ripamonti Psicoterapeuta

dottoressa

elvira ripamonti

Vorrei essere di aiuto a chiunque abbia la necessità di comprendere, affrontare o prevenire situaizoni di disagio emotivo, stress o sofferenza psichica.

seguimi sui canali social

Ascoltarsi
per ascoltare

il quoziente emotivo

“Nutrire il quoziente intellettivo dei nostri figli non basta.
Dobbiamo occuparci (anche) del loro quoziente emotivo."

I. Filliozat, 2001