i miei articoli

Parole e non solo

img il rispetto

IL RISPETTO: UN’ARMA A DOPPIO TAGLIO!

“Mio figlio non mi rispetta! Mi risponde male e mi dice parolacce!”“Mi sento una cattiva madre ma veramente perdo la pazienza, alzo la voce e ricorro alle mani quando mia figlia di 4 anni mi guarda con quel modo strafottente che proprio mi manda in tilt, mi fa sentire presa in giro.”“E’ da 13 anni che faccio di tutto per mia figlia e sentirmi dire certe cose da lei mi fa perdere il senno così ci ritroviamo a litigare e gridarci addosso vicendevolmente.”Che fatica! Il RISPETTO, quello sconosciuto, tanto preteso

Leggi
img le incomprensioni

LE INCOMPRENSIONI SONO NORMALI E FREQUENTI NELLE RELAZIONI UMANE!

Le incomprensioni tra marito e moglie, tra genitori e figli, tra sorelle, tra colleghi o amici sono INEVITABILI!Ebbene sì, le incomprensioni sono parte delle relazioni umane e oggi le neuroscienze ci spiegano che si verificano semplicemente a causa dei limiti del sistema percettivo del nostro cervello.Il punto di vista della realtà di ogni persona non è IL fatto o LA verità: il punto di vista di ciascuna persona è una prospettiva personale creata dal proprio cervello, che filtra la realtà attraverso il suo paio di occhiali!Nelle relazioni interpersonali in generale

Leggi
img diversi stili educativi

GENITORI SEPARATI E DIVERSI STILI EDUCATIVI (in assenza di psicopatologia o pas)

“Dottoressa, come faccio ad avere un buon rapporto con mia figlia? Il padre ormai le compra sempre tutto ciò che vuole e se non lo faccio anch’io passo solo per la stronza!”ATTENZIONE!!! OGNUNO È RESPONSABILE DEL PROPRIO RAPPORTO CON IL FIGLIO !Certamente, la relazione madre-figlio e padre-figlio è influenzata dalle dinamiche relazionali della coppia madre-padre MA ogni genitore è personalmente responsabile del rapporto che crea con il proprio figlio!Esattamente come i figli di genitori bilingue imparano tranquillamente a parlare la lingua della madre con la madre e la lingua del

Leggi
img la collera

LA COLLERA (PARTE 2)

Ore 17.30, bimbo recuperato al nido/scuola materna/nonni/baby sitter (apparentemente) tranquillo e sorridente. Andiamo con lui a fare la spesa prima di rientrare a casa e da tenero angioletto sorridente al nostro primo no a una sua richiesta si scatena l’inferno!“Mamma, mi compri le figurine/patatine/caramelle/ …?”“No, cucciolo, te le ho già prese ieri/tra poco andiamo a casa a cenare/ti si cariano i denti/…”“Ahhh!!!”, pianti, urla e, perché no, rotolamento sul pavimento con tanto di calci incontrollabili .Da un lato si può “cedere” a comprargli ciò che chiede; dall’altro il diniego iniziale

Leggi
img la felicità dei figli

TULLY E LA LEGGEREZZA DELLA GIOVINEZZA SEPPELLITA DALLA MATERNITÀ

Un serata tranquilla, bimbo a letto presto e un film scelto quasi a caso tra le ultime proposte di sky: Tully, film del 2018 del regista J. Reitman.Tully è una moderna Mary Poppins in aiuto a Marlo (Charlize Theron), una mamma distrutta da un terzo figlio non propriamente cercato con un secondogenito impegnativo per via del suo essere “corky”, particolare, come le ripetono di continuo.Un film che fa riflettere sulla femminilità della madre di oggi afflitta dal tempo che passa quasi immobile, pur portando cambiamenti volontari e involontari, nel corpo

Leggi
img padre

PADRE

Padre, papà, papi, babbo: modi diversi per dire di un ruolo genitoriale importante tanto per il FIGLIO quanto per la MADRE.Quando nasce un figlio si diventa padre ma come si fa a diventare un BUON PADRE?Purtroppo non esiste una ricetta universale, facile e di immediata applicazione per essere un buon padre (esattamente, peraltro, come non esiste un manuale d’istruzioni per essere una buona madre).Però, si può dire che:i figli sono sereni se in famiglia circola AMORE e RISPETTO e i genitori sanno dar loro SICUREZZA;non esiste un modo giusto e

Leggi
img i sentimenti

BASTA…

“Bastaaaaa … ho detto BASTAAAA !!! Adesso vai in castigo! Stai fermo lì e pensa a quello che hai fatto!”Quante volte abbiamo gridato questa frase o ci siamo trattenuti ma avremmo voluto farlo?Quante volte siamo arrivati al limite della nostra pazienza?Certo, siamo umani! La pazienza di tutti ha un limite ma è il SIGNIFICATO che diamo al comportamento del bambino che ci aiuta a ritrovare la calma o, all’opposto, a caricarci come molle pronte ad esplodere.Ma devo darVi una notizia sorprendente:UN BAMBINO CHE VI ESASPERA NON LO FA APPOSTA!NO, NON

Leggi
img disciplina dolce

COS’È LA DISCIPLINA DOLCE (parte 2)

La Disciplina Dolce è la capacità, l’impegno di rispondere ai bisogni, messaggi del figlio che si ha dinnanzi e NON ai nostri fantasmi interni (proiettati sul figlio).Il bambino voleva le tagliatelle con la salsa di pomodoro, ci avete messo il burro, lui urla e il genitore si innervosisce tantissimo sgridandolo per il “capriccio”!Il figlio adolescente si lamenta del professore di storia o geografia e il genitore si irrita per tale considerazione; la figlia litiga con il fratello che sente la musica a tutto volume e il genitore grida con entrambi

Leggi
img no è no

NO È NO

“No, Ti ho detto di NO! Lo devo ripetere ancora? NOOOO!Piangi, piangi pure… NO è NO e devi imparare!”Quante volte i nostri figli, bambini o ragazzi che siano, testano la nostra pazienza, nonché l’esistenza di limiti e divieti?Quante volte, purtroppo, al limite della pazienza, ci siamo veramente innervositi e, alzando la voce, quasi “goduto” del dispiacere dei nostri figli?Purtroppo, troppo spesso, l’educazione diventa un gioco di potere, un faticoso braccio di ferro genitore-figlio che fa perdere empatia e capacità di lucida analisi della situazione relazionale.Ciò succede tanto con un bimbo

Leggi
img guerra tra mamme

BASTA GUERRA TRA MAMME

“Io ho partorito naturalmente senza epidurale”. “Io ho fatto il parto cesareo programmato perché avevo una paura folle del dolore”.“Io sono per l’allattamento a termine”.“Ah, io non ho allattato perché il biberon possono darlo tutti e io sono più libera”.“Io ho iniziato lo svezzamento a sei mesi compiuti con l’alimentazione complementare”. “Io sono per l’inserimento graduale degli alimenti”.“Noi dormiamo in 4 nel lettone”.“Io ho messo il figlio nella sua stanza appena rientrata a casa dall’ospedale”.IO, IO, IO …Nel meraviglioso mondo della genitorialità, per quanto se ne dica, non esiste un

Leggi
img il rispetto

IL RISPETTO: UN’ARMA A DOPPIO TAGLIO!

“Mio figlio non mi rispetta! Mi risponde male e mi dice parolacce!”“Mi sento una cattiva madre ma veramente perdo la pazienza, alzo la voce e ricorro alle mani quando mia figlia di 4 anni mi guarda con quel modo strafottente che proprio mi manda in tilt, mi fa sentire presa in giro.”“E’ da 13 anni che faccio di tutto per mia figlia e sentirmi dire certe cose da lei mi fa perdere il senno così ci ritroviamo a litigare e gridarci addosso vicendevolmente.”Che fatica! Il RISPETTO, quello sconosciuto, tanto preteso

Leggi
img le incomprensioni

LE INCOMPRENSIONI SONO NORMALI E FREQUENTI NELLE RELAZIONI UMANE!

Le incomprensioni tra marito e moglie, tra genitori e figli, tra sorelle, tra colleghi o amici sono INEVITABILI!Ebbene sì, le incomprensioni sono parte delle relazioni umane e oggi le neuroscienze ci spiegano che si verificano semplicemente a causa dei limiti del sistema percettivo del nostro cervello.Il punto di vista della realtà di ogni persona non è IL fatto o LA verità: il punto di vista di ciascuna persona è una prospettiva personale creata dal proprio cervello, che filtra la realtà attraverso il suo paio di occhiali!Nelle relazioni interpersonali in generale

Leggi
img diversi stili educativi

GENITORI SEPARATI E DIVERSI STILI EDUCATIVI (in assenza di psicopatologia o pas)

“Dottoressa, come faccio ad avere un buon rapporto con mia figlia? Il padre ormai le compra sempre tutto ciò che vuole e se non lo faccio anch’io passo solo per la stronza!”ATTENZIONE!!! OGNUNO È RESPONSABILE DEL PROPRIO RAPPORTO CON IL FIGLIO !Certamente, la relazione madre-figlio e padre-figlio è influenzata dalle dinamiche relazionali della coppia madre-padre MA ogni genitore è personalmente responsabile del rapporto che crea con il proprio figlio!Esattamente come i figli di genitori bilingue imparano tranquillamente a parlare la lingua della madre con la madre e la lingua del

Leggi
img la collera

LA COLLERA (PARTE 2)

Ore 17.30, bimbo recuperato al nido/scuola materna/nonni/baby sitter (apparentemente) tranquillo e sorridente. Andiamo con lui a fare la spesa prima di rientrare a casa e da tenero angioletto sorridente al nostro primo no a una sua richiesta si scatena l’inferno!“Mamma, mi compri le figurine/patatine/caramelle/ …?”“No, cucciolo, te le ho già prese ieri/tra poco andiamo a casa a cenare/ti si cariano i denti/…”“Ahhh!!!”, pianti, urla e, perché no, rotolamento sul pavimento con tanto di calci incontrollabili .Da un lato si può “cedere” a comprargli ciò che chiede; dall’altro il diniego iniziale

Leggi
img la felicità dei figli

TULLY E LA LEGGEREZZA DELLA GIOVINEZZA SEPPELLITA DALLA MATERNITÀ

Un serata tranquilla, bimbo a letto presto e un film scelto quasi a caso tra le ultime proposte di sky: Tully, film del 2018 del regista J. Reitman.Tully è una moderna Mary Poppins in aiuto a Marlo (Charlize Theron), una mamma distrutta da un terzo figlio non propriamente cercato con un secondogenito impegnativo per via del suo essere “corky”, particolare, come le ripetono di continuo.Un film che fa riflettere sulla femminilità della madre di oggi afflitta dal tempo che passa quasi immobile, pur portando cambiamenti volontari e involontari, nel corpo

Leggi
img padre

PADRE

Padre, papà, papi, babbo: modi diversi per dire di un ruolo genitoriale importante tanto per il FIGLIO quanto per la MADRE.Quando nasce un figlio si diventa padre ma come si fa a diventare un BUON PADRE?Purtroppo non esiste una ricetta universale, facile e di immediata applicazione per essere un buon padre (esattamente, peraltro, come non esiste un manuale d’istruzioni per essere una buona madre).Però, si può dire che:i figli sono sereni se in famiglia circola AMORE e RISPETTO e i genitori sanno dar loro SICUREZZA;non esiste un modo giusto e

Leggi
img i sentimenti

BASTA…

“Bastaaaaa … ho detto BASTAAAA !!! Adesso vai in castigo! Stai fermo lì e pensa a quello che hai fatto!”Quante volte abbiamo gridato questa frase o ci siamo trattenuti ma avremmo voluto farlo?Quante volte siamo arrivati al limite della nostra pazienza?Certo, siamo umani! La pazienza di tutti ha un limite ma è il SIGNIFICATO che diamo al comportamento del bambino che ci aiuta a ritrovare la calma o, all’opposto, a caricarci come molle pronte ad esplodere.Ma devo darVi una notizia sorprendente:UN BAMBINO CHE VI ESASPERA NON LO FA APPOSTA!NO, NON

Leggi
img disciplina dolce

COS’È LA DISCIPLINA DOLCE (parte 2)

La Disciplina Dolce è la capacità, l’impegno di rispondere ai bisogni, messaggi del figlio che si ha dinnanzi e NON ai nostri fantasmi interni (proiettati sul figlio).Il bambino voleva le tagliatelle con la salsa di pomodoro, ci avete messo il burro, lui urla e il genitore si innervosisce tantissimo sgridandolo per il “capriccio”!Il figlio adolescente si lamenta del professore di storia o geografia e il genitore si irrita per tale considerazione; la figlia litiga con il fratello che sente la musica a tutto volume e il genitore grida con entrambi

Leggi
img no è no

NO È NO

“No, Ti ho detto di NO! Lo devo ripetere ancora? NOOOO!Piangi, piangi pure… NO è NO e devi imparare!”Quante volte i nostri figli, bambini o ragazzi che siano, testano la nostra pazienza, nonché l’esistenza di limiti e divieti?Quante volte, purtroppo, al limite della pazienza, ci siamo veramente innervositi e, alzando la voce, quasi “goduto” del dispiacere dei nostri figli?Purtroppo, troppo spesso, l’educazione diventa un gioco di potere, un faticoso braccio di ferro genitore-figlio che fa perdere empatia e capacità di lucida analisi della situazione relazionale.Ciò succede tanto con un bimbo

Leggi
img guerra tra mamme

BASTA GUERRA TRA MAMME

“Io ho partorito naturalmente senza epidurale”. “Io ho fatto il parto cesareo programmato perché avevo una paura folle del dolore”.“Io sono per l’allattamento a termine”.“Ah, io non ho allattato perché il biberon possono darlo tutti e io sono più libera”.“Io ho iniziato lo svezzamento a sei mesi compiuti con l’alimentazione complementare”. “Io sono per l’inserimento graduale degli alimenti”.“Noi dormiamo in 4 nel lettone”.“Io ho messo il figlio nella sua stanza appena rientrata a casa dall’ospedale”.IO, IO, IO …Nel meraviglioso mondo della genitorialità, per quanto se ne dica, non esiste un

Leggi
Elvira Ripamonti Psicoterapeuta

dottoressa

elvira ripamonti

Vorrei essere di aiuto a chiunque abbia la necessità di comprendere, affrontare o prevenire situaizoni di disagio emotivo, stress o sofferenza psichica.

seguimi sui canali social

Ascoltarsi
per ascoltare

il quoziente emotivo

“Nutrire il quoziente intellettivo dei nostri figli non basta.
Dobbiamo occuparci (anche) del loro quoziente emotivo."

I. Filliozat, 2001