i miei articoli /

LA SERENITÀ È DENTRO DI NOI

img la serenità è dentro di noi

Mahatma Gandhi disse: “La persona che non è in pace con se stessa, sarà in guerra con il mondo”.

Che vuol dire oggi quella frase?
Personalmente, credo che significhi che dobbiamo smettere di SCARICARE LA NOSTRA FRUSTRAZIONE sugli altri, sia in famiglia che nella società!
Dobbiamo smetterla di GIUDICARE chi si comporta diversamente da come faremmo noi: NOI NON SIAMO LORO! GLI ALTRI NON SIAMO NOI!
Ognuno ha la propria testa, la propria storia, le proprie emozioni (gli psicoanalisti dicono “il proprio fantasma inconscio”) che noi non conosciamo ma che dobbiamo RISPETTARE e se, proprio qualcosa nel comportamento altrui ci fa questione, non possiamo fare altro che chiedere educatamente una spiegazione, eventualmente dicendo le nostre emozioni e accettando che la risposta possa essere comunque poco comprensibile per noi!
In questi mesi, sia qui sui social che nella vita reale, ho visto commenti carichi di rabbia, violenza e aggressività verso chi aveva un atteggiamento diverso dal proprio nei confronti del coronavirus, sono stati odiati ed esposti al pubblico ludibrio runners solitari, genitori con bimbi o gli “immancabili” immigrati (da sempre, capro espiatorio per eccellenza di tutte le società in tutte le epoche).Da qualche giorno, la frustrazione individuale di molti si è potuta scaricare anche su Silvia Romano. Chi mi conosce sa bene che non amo fare politica e, ancor meno, amo espormi su questo argomento via social, ma – a prescindere dal pensiero politico di chiunque – credo che ancora una volta, le illazioni lette su questa ragazza siano più da correlare a una propria frustrazione individuale (che se non accolta, curata e analizzata, porta a violenza, aggressività e incita all’odio) piuttosto che a una vaga conoscenza dei fatti.

E’ difficile fermarsi a conoscere il proprio mondo interiore, è difficile nominare le proprie emozioni negative e ancor più difficile è saper riconoscerne le REALI cause, spesso nascoste nell’oblio della propria infanzia violata o in convinzioni (e convenzioni) sociali e/o familiari apparentemente indiscutibili. E’ difficile ma non impossibile!!!

Se realmente vogliamo un mondo migliore, mettiamoci maggiormente in ascolto di noi stessi, sospendiamo il giudizio sugli altri e lavoriamo per il NOSTRO BENESSERE emotivo! Tutto il resto verrà da sé!

Condividi il post:
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

seguimi sui canali social